Consapevolezza interpersonale 1 - Abbraccio Consapevolezza interpersonale - Citazione - La felicità è amare, nient'altro Consapevolezza interpersonale 2 - Anziani

L’ARTE DI ESSERE IN RELAZIONE:
LA MINDFULNESS INTERPERSONALE.

La connessione con noi stessi che sviluppiamo grazie alla pratica della presenza affettuosa verso le sensazioni fisiche che abitano il corpo, le nostre emozioni, i nostri pensieri, apre le porte alla connessione con gli altri.
La mindfulness interpersonale è l’esercizio della presenza mentale, accompagnato da un atteggiamento di accoglienza e accettazione nei confronti delle nostre interazioni con gli altri.

Gli esseri umani sono animali sociali; la maggior parte di noi trascorre molto tempo ad interagire con gli altri: figli, partner, genitori, fratelli, capi, amici, colleghi, vicini di casa …
Entrare in connessione con gli altri è un bisogno umano fondamentale: nello spazio relazionale ci sentiamo “percepiti”, visti, riconosciuti e questo ci nutre. Tutti gli esseri umani hanno bisogno di sentirsi amati e di amare. Coltivare rapporti salutari con gli altri rappresenta un aspetto importante della nostra salute psicofisica.

Nella nostra vita di oggi, in un mondo caotico e competitivo, che enfatizza l’individualità e accentua la separazione, spesso ci sentiamo scollegati gli uni dagli altri, siamo in una posizione di difesa e prendiamo le distanze dagli altri. Le relazioni sono diventate una fonte di stress invece che di felicità.

Il nostro fondamentale bisogno di connessione viene così, sepolto dalle nostre paure. Essere in relazione con l’altro ci espone infatti, alla nostra vulnerabilità: alla paura di essere feriti, di essere abbandonati, di essere rifiutati, delusi. Spesso, siamo già stati feriti tante volte e abbiamo paura che ci accada di nuovo. Spesso le nostre relazioni attuali, attivano ferite del passato. Ognuno di noi è stato ferito quando era bambino, ognuno di noi si è sentito non visto o non riconosciuto nei suoi bisogni.
Muri di paura possono bloccare il sentiero che porta al nostro cuore e possono impedirci di creare il tipo di relazioni che desideriamo.
Ci vuole coraggio per aprire il nostro cuore e abbassare le nostre difese.

La prospettiva della mindfulness ci invita
a coltivare il nostro bisogno di connessione con gli altri,
imparando a diventare consapevoli delle nostre paure e
degli schemi con cui reagiamo alle nostre paure,
coltivando un atteggiamento amorevole e di accettazione verso noi stessi.

Grazie alla pratica di mindfulness, possiamo dare alle nostre paure uno spazio di movimento, permettendo loro di esprimersi.
Grazie alla consapevolezza, possiamo scegliere di
aprire il nostro cuore e far entrare l’amore,
anziché reagire con la fuga o l’aggressione.
La pratica della mindfulness ci offre la possibilità di diventare consapevoli dei nostri schemi relazionali, riconoscerli, accettarli e comprenderli.
Questa sintonizzazione intrapersonale, ovvero la coltivazione della risonanza con sé stessi apre le porte alla sintonizzazione interpersonale, ovvero all’empatia e alla compassione per gli altri.

One thought on “Consapevolezza interpersonale

  1. Ci vuole coraggio per stare nelle relazioni nei momenti di difficoltà e cambiare stando fermi, senza demolire ciò che si ha.
    Ci vuole coraggio per accompagnare le persone e aiutarle a stare ferme, insegnando che la sofferenza è dentro e non fuori.
    Ci vuole coraggio e saggezza per non costruire relazioni sul dolore di altri e provocare dolore ad altri.
    La consapevolezza è un grande aiuto per poter fare tutto questo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *